Un libro al giorno: Una democrazia in crisi

Categorie

Mentre l’Ottocento volgeva a termine, l’Italia era investita da una profonda crisi politica ed economica. Il Parlamento dei notabili era chiuso in se stesso, cieco ai bisogni e alle richieste del popolo, mentre il prezzo del pane saliva sempre più. Nel maggio del 1898 la situazione divenne insostenibile. La folla affamata insorse a Milano e il giorno 6 il generale Bava Beccaris ordinò all’esercito di sparare sulla folla inerme.

*   *   *

Il re Umberto, dato il clamore che quel gesto causò, affidò il governo al generale Luigi Pelloux, il quale presentò le terribili “leggi d’eccezione”, le quali limitavano fortemente la libertà di stampa e di associazione. L’opposizione parlamentare, per contrastare le nuove disposizioni del governo, scelse la farsa dell’ostruzionismo, anticipando di venticinque anni quello che sarà l’Aventino dopo l’affaire Matteotti.

Vittorio Scacco

Per donare a L’Universale clicca qui.

Acquista il libro in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista il libro in formato e-book cliccando qui.

Una democrazia in crisi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*