Un libro al giorno: Alberto Savinio e la cacarella di Giacomo Leopardi

Categorie

Il 28 marzo 1937, data storica per il giornalismo italiano, usciva in edicola, con data 3 aprile, il primo numero di «Omnibus», settimanale di attualità politica e letteraria. Ideato e diretto da Leo Longanesi, primo giornale ad essere stampato a rotocalco e innovatore di tutta la stampa italiana, era composto da sedici paginone, grandi fotografie e le migliori firme della letteratura e del giornalismo degli anni Trenta, sia italiane che straniere. «Omnibus» nacque per volere di Mussolini come giornale di propaganda, ma Longanesi, mussoliniano della prima ora ma non fascista, lo trasformò nell’organo ufficiale della fronda al regime.

*   *   *

Il carattere corbellatore del suo direttore si respirava ad ogni pagina, maniacalmente disegnata e curata da colui che fu il punto di riferimento del neologismo “stile longanesiano”. Longanesi era fascista con gli antifascisti e antifascista coi fascisti. Dopo ogni uscita settimanale, «Omnibus» rischiava il sequestro o la soppressione, dato che Longanesi non era solito concedere lusinghe e adulazioni al regime. Era lui, dopo i periodici e consueti richiami del Min.Cul.Pop. ad andare dal duce, per pregarlo di non chiudere la rivista. «Omnibus» durò un anno e mezzo. L’ultimo numero uscì il 28 gennaio 1939 e ospitava un articolo di Alberto Savinio, intitolato “Il sorbetto di Leopardi”. Fu il pretesto col quale Mussolini soppresse la rivista.

Stefano Poma

Per donare a L’Universale clicca qui.

Acquista il libro in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista il libro in formato e-book cliccando qui.

51ZjoHSr71L

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*