La bufala sul pusher gambiano

Categorie

Secondo i nostri giornali e telegiornali lo spacciatore sarebbe stato scarcerato perché “lo spaccio appare l’unico modo che ha per mantenersi”. Ma il motivo non è questo…

Negli ultimi giorni si è diffusa la bufala, raccontata dai nostri giornali e telegiornali invidiati in tutto il mondo, secondo la quale il Tribunale del riesame di Milano avrebbe scarcerato un presunto spacciatore extracomunitario di origini gambiane perché spacciare sarebbe “la sua unica fonte di sostentamento”. Bisogna spiegare quanto segue: il Tribunale scrive che la tesi difensiva del consumo personale non è sostenibile, poiché risulta che “lo spaccio sia la sua unica fonte di sostentamento”. Tuttavia, non sussistono le esigenze cautelari per tenerlo in carcere in attesa della conclusione del giudizio.

*   *   *

La carcerazione preventiva, in Italia, non è un’anticipazione della condanna definitiva, ma una misura eccezionale da applicare molto rigorosamente in presenza di alcuni presupposti. Tutti gli studenti di legge, o addirittura gli avvocati, che hanno condiviso questa bufala dovrebbero seriamente prendere in considerazione l’idea di cambiare professione.

Fernando Gallone

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*