Un libro al giorno: L’entrata delle truppe in Roma

Categorie

Centoquarantotto anni fa, il 20 settembre del 1870, al mattino gli uomini di Cadorna avevano aperto uno squarcio che consentì ai primi bersaglieri di entrare a Roma; era la famosa “breccia di porta Pia”.

Il grande protettore di papa Pio IX e della Roma pontificia, Napoleone III, il due settembre 1870 veniva sconfitto a Sedan nella guerra franco-prussiana e fatto prigioniero. Il governo italiano sente che è arrivato il suo momento; sente che la lunga attesa, durata nove anni, per annettere Roma al regno d’Italia è finita e il sette settembre spedisce alle altre potenze una circolare nella quale rende nota l’intenzione di entrare a Roma con le armi in pugno, tutelando tuttavia la salute del papa e la sua indipendenza.

*   *   *

Il 17 settembre il corpo di spedizione italiano, forte di cinquantamila uomini opposti ai tredicimila in difesa del papa, si apposta nei pressi di Roma e all’alba del venti sferra il primo attacco, con l’esercito di Vittorio Emanuele II che aprì il fuoco con pezzi di artiglieria sul tratto di mura fra porta Pia e porta Salaria. Alle 9:30 del mattino gli uomini del generale Raffaele Cadorna avevano aperto uno squarcio, una breccia lunga trenta metri che consentì ai primi bersaglieri italiani di entrare nella città eterna; era la famosa “breccia di porta Pia”.

Stefano Poma

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista il libro in formato e-book cliccando qui.

5112Q1e4gNL

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*