Il muro di Trump

Categorie

Il presidente americano, incapace di ottenere il budget necessario per costruire un muro al confine col Messico, ha dichiarato l’emergenza nazionale per assicurarsi i fondi.

In campagna elettorale Donald Trump promise di erigere un muro sul confine messicano e ora è pronto, per portare a compimento l’opera, a lanciare un’enorme battaglia legale. Il presidente degli Stati Uniti ha dichiarato lo stato di emergenza alla frontiera, una procedura eccezionale che gli consente di evitare il Congresso e di utilizzare i fondi dello Stato federale come ritiene opportuno; trasformando, di fatto, un conflitto politico in uno scontro sulla separazione dei poteri fondamentali. Il disaccordo sul bilancio del muro di confine, stimato in oltre cinque miliardi di dollari da Trump, ha portato a una paralisi di cinque settimane dell’amministrazione federale, la più lunga nella storia americana. Dopo aver firmato un accordo con il Congresso, il quale prevede un budget di 1,375 miliardi di dollari per una barriera di confine, il presidente americano si è rifiutato di ammettere di aver perso il suo scontro con i democratici.

*   *   *

Trump ha assicurato che avrebbe firmato una dichiarazione per proteggere il Paese da una marea di droga, criminali e immigrati clandestini dal Messico, che ha definito come una seria minaccia per la sicurezza nazionale e ha affermato di non aver bisogno di dichiarare lo stato di emergenza, ma che ha preferito “farlo in fretta”. Con questa dichiarazione di stato di emergenza, Trump si riprenderà per il suo “Wall” 3,6 miliardi di dollari stanziati per la costruzione militare, ma anche 2,5 miliardi dal programma contro il traffico di droga. In tutto, per il muro dovrebbe essere utilizzato un budget di 8 miliardi. I leader democratici hanno immediatamente denunciato l’iniziativa come incostituzionale, affermando che non vi è alcuna emergenza umanitaria o di sicurezza al confine che impone tale misura.

Vittorio Scacco

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista “Una democrazia in crisi” di Vittorio Scacco in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista “Una democrazia in crisi” di Vittorio Scacco in formato e-book cliccando qui.

Una democrazia in crisi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.