Il naufragio del Titanic – seconda parte

Categorie

Lo scontro con l’iceberg, tra errori e coincidenze sfortunate. 

A bordo del Titanic c’erano circa 2.200 persone, di cui 1.300 passeggeri. Durante gran parte del viaggio, gli operatori radio Jack Phillips e Harold Bride avevano ricevuto messaggi di avvistamento iceberg. I due uomini lavoravano per la Marconi Company e si preoccupavano maggiormente di trasmettere i messaggi dei passeggeri. La sera del 14 aprile il Titanic iniziò ad avvicinarsi a un’area nota per la presenza di iceberg. Il capitano Smith modificò leggermente il corso della nave per dirigersi più a sud. Tuttavia, mantenne la velocità della nave di circa 22 nodi. Alle 21:40 i marconisti del Mesaba inviarono al Titanic un avvertimento riguardo la presenza di un enorme iceberg nella sua direzione. Il messaggio non fu mai trasmesso al capitano del Titanic. Alle 10:55 il vicino Leyland californiano comunicò che si era fermato dopo essere stato circondato dal ghiaccio. Phillips, che stava gestendo i messaggi dei passeggeri, sgridò il collega californiano per averlo interrotto. Due uomini dell’equipaggio, Frederick Fleet e Reginald Lee, erano di vedetta sulla prua del Titanic. Il loro compito era reso difficile dal fatto che quella notte l’oceano era insolitamente calmo e gli iceberg sarebbero stati più difficili da individuare. Inoltre, mancavano i binocoli.

*   *   *

Verso le 23:40, a circa 400 miglia nautiche (740 km) a sud di Terranova, in Canada, venne avvistato un iceberg. Il primo ufficiale William Murdoch ordinò di invertire i motori e di virare a sinistra. Il Titanic iniziò a girare, ma era troppo vicino per evitare una collisione: il lato di dritta della nave raschiava sull’iceberg. Almeno cinque dei compartimenti stagni verso la prua furono lacerati. Andres valutò e annotò il danno: mentre gli scompartimenti di prua della nave si riempivano d’acqua, la prua s’immergeva nell’oceano, facendo sì che l’acqua dei compartimenti rotti si riversasse in ogni compartimento successivo, sigillando così il destino della nave. Invertendo i motori, Murdoch ha impedito al Titanic di girare più velocemente e di evitare l’iceberg. La maggior parte degli esperti ritiene che la nave sarebbe sopravvissuta se avesse colpito l’iceberg con la prua. Smith ordinò a Phillips di iniziare a inviare segnali di soccorso, uno dei quali raggiunse il Carpathia poco dopo la mezzanotte. Tuttavia, il Carpathia si trovava a circa 58 miglia nautiche (107 km) quando ricevette il segnale e ci sarebbero volute più di tre ore per raggiungere il Titanic. Risposero anche altre navi, compreso l’Olympic, ma tutte erano troppo lontane. Una nave fu avvistata nelle vicinanze, ma il Titanic non fu in grado di contattarla. Anche il Leyland era nelle vicinanze, ma il suo sistema radio quella notte era spento.

*   *   *

Nel frattempo, le scialuppe di salvataggio cominciarono a essere calate. Su di esse vennero fatti salire donne e bambini. Sebbene il numero di scialuppe di salvataggio del Titanic avesse superato quello richiesto dal British Board of Trade, le sue 20 barche potevano trasportare solo 1.178 persone, molto meno del numero totale di passeggeri. La scialuppa di salvataggio numero 7, che fu la prima a lasciare il Titanic, aveva a bordo solo 27 persone, anche se aveva spazio per 65. Alla fine, solo 705 persone sarebbero state salvate dalle scialuppe. Mentre i passeggeri aspettavano di entrare nelle scialuppe di salvataggio, furono intrattenuti dai musicisti, che inizialmente suonarono nelle sale della prima classe prima di trasferirsi sul ponte della nave. Le fonti si differenziano per quanto tempo si siano esibiti. Alcuni riportano che è stato fino a poco prima che la nave affondasse. L’ultima canzone che suonarono fu “Nearer, My God, To Thee” (“Più vicino a te, Dio”). Nessuno dei musicisti sopravvisse all’affondamento.

Vittorio Scacco

Qui, la prima parte.

Domani, su L’Universale, la terza e ultima parte. 

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista “Una democrazia in crisi” di Vittorio Scacco in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista “Una democrazia in crisi” di Vittorio Scacco in formato e-book cliccando qui.

Una democrazia in crisi

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.