Napoli, documenti falsi per immigrati clandestini: blitz dei Carabinieri

Indagini scattate dopo gli attentati di Parigi.

Sgominata a Napoli un’associazione a delinquere composta da afghani, pakistani e italiani che dietro compenso faceva avere documenti falsi per permessi di soggiorno in Italia. Una persona è stata portata in carcere, due ai domiciliari e per altre 11 è scattato l’obbligo di dimora. Gli indagati sono accusati di associazione a delinquere finalizzata a favorire l’immigrazione clandestina e falso ideologico e materiale. Le indagini erano scattate dopo gli attacchi terroristici in Francia e in Belgio, tra il 2015 e il 2016, come il blitz alla sede del giornale satirico parigino “Charlie Hebdo” del 7 gennaio 2015 e l’attentato al teatro Bataclan del 13 novembre dello stesso anno.

 

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista il ventitreesimo numero de «Il Caffè», la nostra nuova rivista settimanale che sta rivoluzionando il mondo del giornalismo italiano con la sua innovativa struttura digitale e la sua composizione moderna che indica il futuro della stampa.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.