La regina Grimilde tra le vie della città

Quando la #cancelculture arriva nella toponomastica

A Vairano Paternora, un comune nel casertano, via Giuseppe Bottai diventerà via Giancarlo Siani.
Giancarlo Siani era un giornalista italiano assassinato dalla camorra per un articolo del 10 giugno 1985 in cui Siani informò l’opinione pubblica che l’arresto del boss  Valentino Gionta era stato possibile grazie ad una soffiata degli storici alleati Nuvoletta, che tradirono Gionta in cambio di una tregua con i nemici casalesi.
La colpa di Giuseppe Bottai è quella di essere stato uno dei più stretti collaboratori di Mussolini durante il regime fascista, governatore di Roma, governatore di Addis Abeba, ministro delle Corporazioni e ministro dell’Educazione Nazionale.
La battaglia per il cambio del nome della via, in nome della #cancelcultureture è stata portata avanti dal regista Pif ennesimo artista al quale stanno stretti i panni dell’artista.

Che la «cancel culture», quindi bloccare o punire le opinioni dissenzienti fosse un affronto alla società civile ed una forma subliminale di autoritarismo si era capito immediatamente.
A questo punto mi è venuta in mente Grimilde, la regina matrigna di Biancaneve.
Quest’ultima ripeteva al suo specchio magico: «Magic mirror on the wall, who’s the fairest one of all?» ovvero nella versione italiana che ciascuno di noi ha sentito da bambini: «Specchio delle mie brame chi è la più bella del reame?»
E ogni volta Grimilde riceveva dallo specchio magico, che non mentiva mai, il medesimo rassicurante responso: «Sei tu la più bella, o mia regina».
Un giorno, dopo la solita domanda, la risposta fu: «Mia regina, è Biancaneve la più bella del reame!» .
Non sapendo affrontare la verità e rifiutandosi di riconoscerne l’evidenza, iniziò a gridare infuriata fino a rompere lo specchio in una scatto d’ira, pensando di elaborare un piano per far sparire Biancaneve, così da rimanere la più bella del reame.

Ma le favole non servono solamente per tenere buoni i bambini. Servono anche per farci riflettere… come lo specchio!
Oggigiorno, esistono tante “regine” (e tanti re), che ogni giorno esprimono i propri pensieri a se stessi un po’ come fossero davanti allo specchio magico di Grimilde: «Specchio, specchio delle mie brame, dimmi di chi è l’opinione più saggia sulla Terra?».
Poi accade che qualcuno  – come lo specchio magico non mente mai – risponda che «Guarda che non è la tua l’opinione più saggia della Terra» e succede qualcosa di simile alla favola dei fratelli Jacob e Wilhelm Grimm e, anche stavolta, ci sarà qualcuno che non sapendo affrontare la verità e rifiutandosi di riconoscerne l’evidenza, inizierà a gridare infuriato e invece di rompere lo specchio, riverserà la propria ira sul suo sincero interlocutore. Ed anche in questo caso, la novella Grimilde, inizierà a elaborare un piano per far eliminare chi dissente così da rimanere “la più saggia del reame”.

Grimilde digital edition!

 

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista il ventitreesimo numero de «Il Caffè», la nostra nuova rivista settimanale che sta rivoluzionando il mondo del giornalismo italiano con la sua innovativa struttura digitale e la sua composizione moderna che indica il futuro della stampa.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.