Omicidio Cerciello Rega, ergastolo per i due americani

La prima Corte d’Assise del Tribunale di Roma ha condannato i due giovani americani

Finnegan Lee Elder e Gabriel Natale Hjorth sono stati condannati all’ergastolo in primo grado per l’omicidio del Vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso da undici coltellate il 26 luglio 2019 dopo una lunga colluttazione con i due ragazzi. La moglie, pronunciata la sentenza, è scoppiata a piangere, poi ha commentato: “La sentenza non mi restituirà Mario. Non possiamo che ringraziare i giudici e i nostri avvocati. Mario era il Carabiniere di tutti, un uomo meraviglioso e un servitore dello Stato che merita rispetto e onore, che lui stesso da martire ha dimostrato”. Di tutt’altro avviso l’avvocato dei due giovani, Renato Borzone, che ha attaccato duramente la decisione della camera di consiglio: “Questa sentenza rappresenta una vergogna per l’Italia, con dei giudici che non vogliono vedere quello che è emerso durante le indagini e il processo. Non ho mai visto una cosa così indegna. Faremo appello: qui c’è un ragazzo di 19 anni che è stato aggredito. Abbiamo assistito al solito tandem procure e giudici”.

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista il ventitreesimo numero de «Il Caffè», la nostra nuova rivista settimanale che sta rivoluzionando il mondo del giornalismo italiano con la sua innovativa struttura digitale e la sua composizione moderna che indica il futuro della stampa.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.