Scontri a Gerusalemme: almeno 175 i feriti

Gli scontri tra palestinesi e israeliani preoccupano anche l’occidente.

Sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme, nella serata di ieri, è andato in scena uno degli scontri più violenti degli ultimi anni. Il bilancio parla chiaro: i feriti sono minimo 175 tra agenti e palestinesi. All’origine degli scontri è il ritrovo di decine di migliaia di fedeli, radunati sulla Spianata delle Moschee, per l’ultima grande preghiera del venerdì prima della fine del mese di Ramadan. In quel momento è esploso il putiferio: gli agenti israeliani hanno sparato sulla folla con granate assordanti e proiettili di gomma, rispondendo alle armi da fuoco utilizzate dai palestinesi. La Mezzaluna Rossa ha riferito che almeno quattro di questi ultimi sono rimasti feriti gravemente. La Polizia israeliana ha parlato di “Centinaia di rivoltosi che hanno lanciato pietre, bottiglie e altri oggetti in direzione degli agenti”.

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista il ventitreesimo numero de «Il Caffè», la nostra nuova rivista settimanale che sta rivoluzionando il mondo del giornalismo italiano con la sua innovativa struttura digitale e la sua composizione moderna che indica il futuro della stampa.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.