Tragedia a Roma: barista trovato impiccato in un bar

“Era caduto in depressione per le difficoltà economiche causate anche dalla chiusura del suo locale per le norme anti-Covid”, raccontano gli amici.
Un barista 53enne di Roma si è suicidato impiccandosi all’interno del proprio bar. La chiamata ai soccorritori l’hanno fatta due amici, preoccupati dal fatto che il bar, solitamente aperto, avesse le serrande abbassate. Da qui l’intervento di numerose pattuglie della polizia sulla via Tiburtina, con gli agenti che hanno poi fatto la tragica scoperta trovando il titolare del locale impiccato con una corda legata alla ringhiera delle scale e privo di vita. Per gli amici, che ieri mattina lo hanno trovato senza vita nel suo bar, “era preoccupato da tempo, caduto in depressione per le difficoltà economiche che aveva anche a causa della chiusura del suo locale per le norme anti-Covid”. Una spiegazione sulla quale ora indaga la polizia intervenuta nell’esercizio commerciale su richiesta della coppia e della moglie del titolare.
L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista il ventitreesimo numero de «Il Caffè», la nostra nuova rivista settimanale che sta rivoluzionando il mondo del giornalismo italiano con la sua innovativa struttura digitale e la sua composizione moderna che indica il futuro della stampa.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.