Rosario Livatino proclamato beato

Il giudice fu ucciso dalla mafia il 21 settembre 1990

Nella cattedrale di Agrigento, il cardinale Marcello Semeraro ha celebrato la cerimonia solenne per la beatificazione del giudice Rosario Livatino, ucciso dalla mafia per il suo lavoro su sequestri e confische di beni di proprietà mafiosa. Il suo assassinio fu deciso dalla Stidda, famiglia malavitosa agrigentina. Quattro membri di questa famiglia stanno ora scontando l’ergastolo. La scelta della data di oggi non è casuale. Infatti, il 9 maggio 1993, Giovanni Paolo II pronunciò un famoso discorso in cui si scagliava contro la mafia: “Convertitevi! una volta verrà il giudizio di Dio!”.

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista il ventitreesimo numero de «Il Caffè», la nostra nuova rivista settimanale che sta rivoluzionando il mondo del giornalismo italiano con la sua innovativa struttura digitale e la sua composizione moderna che indica il futuro della stampa.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui