Cambiano i parametri di valutazione della “diffusione del contagio”

Si terrà conto dell’incidenza dei casi sulla popolazione

Stando alle indiscrezioni raccolte da “Il Sole 24Ore” è probabile che venga mandato in pensione l’attuale sistema di divisione in colori in base all’Rt.
Qualora l’ipotesi fosse confermata non vedremo più la mappa dell’Italia colorata in giallo, arancione o rosso, ma secondo una suddivisione per “livelli di rischio“: alto, medio o basso.
La discriminante sarà data da due fattori: l’incidenza dei casi su una quota di abitanti e la soglia di occupazione delle terapie intensive.

  • Sotto i 50 casi settimanali ogni 100mila abitanti, il rischio sarà considerato “basso” con il massimo livello di aperture;
  • Tra 50 e 150 il rischio sarà “medio” e prevederà le prime restrizioni;
  • Sopra 150 avremo un rischio “alto” con chiusure più dure ed un eventuale coprifuoco.

Un altro fattore potrebbe essere la soglia di occupazione delle terapie intensive e, più in generale, il tasso di occupazione dei reparti Covid.
Si tratta ovviamente di ipotesi alle quali stanno lavorando i tecnici delle Regioni e gli esperti dell’ISS in accordo con il ministro della Salute, Roberto Speranza, quello agli Affari Regionali, Mariastella Gelmini e i governatori.
«Una serie di parametri ben equilibrati, magari un po’ più snelli e veloci di quelli che abbiamo, dovranno essere il cruscotto di comando della prossima estate», è ciò che chiede il governatore della Liguria, Giovanni Toti.
«Abbiamo chiesto una revisione che lo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza, aveva detto sarebbe stata rivista, perché erano misure entrate in vigore quando non si era partiti con le vaccinazioni», ha aggiunto Stefano Bonaccini presidente dell’Emilia-Romagna.

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista il ventitreesimo numero de «Il Caffè», la nostra nuova rivista settimanale che sta rivoluzionando il mondo del giornalismo italiano con la sua innovativa struttura digitale e la sua composizione moderna che indica il futuro della stampa.
Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.