Nasce un nuovo cocktail: Cedrata Tassoni & Spumante Ferrari

Il gruppo Lunelli che detiene le bollicine Ferrari acquisisce “Tassoni” vera icona italiana

Uno spot tra i più longevi della tv italiana aveva la voce inconfondibile di Mina che cantava «Quante cose al mondo vuoi fare/ costruire, inventare/ ma lascia un minuto per me». Era lo spot della cedrata della Tassoni, l’azienda che troverà nuova vita grazie all’acquisizione del Gruppo Lunelli che detiene le Cantine Ferrari, marchio storico della spumantistica italiana e partner di molte manifestazioni sportive internazionali.
«Siamo orgogliosi e felici dell’acquisizione – ci dice Matteo Lunelli, CEO del gruppo Lunelli e neopresidente della Tassoni -. Si tratta di un marchio che è nell’immaginario collettivo italiano, un’icona assolutamente coerente con il marchio Lunelli. C’è una forte concorrenza anche da parte di multinazionali straniere ma siamo contenti che con noi questo marchio resti italiano. Sarà una avventura entusiasmante. Vogliamo posizionare la Cedrata Tassoni come la bevanda analcolica italiana di eccellenza e ampliare la gamma dei prodotti. E vogliamo crescere all’estero».
Cedral Tassoni, leader in Italia nella produzione di bibite analcoliche a base di agrumi, nasce da una spezieria che diventò poi farmacia nel 1793, ed è famosa per la cedrata con la bottiglia color buccia di agrume, lanciata sul mercato nel 1956 e rimasta sempre uguale a se stessa, con pochissimi ritocchi di packaging.
Pur utilizzando materie prime calabresi, ha da sempre sede a Salò, sul lago di Garda, e un forte radicamento sul territorio che ha convinto il Gruppo Lunelli a garantire all’azienda uno status autonomo che ne dovrebbe garantire l’identità.

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.