Si sono svolti i funerali di Franco Battiato nella chiesetta all’interno della sua villa

Padre Guidalberto Bormolini : «Ci trovavamo in sintonia. Poi volle approfondire molto sul Cristianesimo»

Il fratello del cantautore siciliano ha comunicato che le esequie si terranno in forma strettamente privata presso la cappella di Villa Grazia a Milo, dove l’artista ha abitato per tanti anni e verranno celebrate da padre Guidalberto Bormolini suo grande amico e suo confessore e da padre Orazio Barbarino, parroco di una chiesa di Linguaglossa.
Dopo la cerimonia, la salma di Battiato verrà cremata per poi ritornare a Villa Grazia.
Oggi è stato proclamato il lutto cittadino, con le bandiere a mezz’asta, a Catania, Milo e Riposto, la cittadina che diede i natali a Battiato.

«Lui era anche cristiano – rivela p. Bormolini in merito alla sfera spirituale dell’artista – voleva essere universale ma, soprattutto, non voleva essere incasellato. […] Ci trovavamo spesso in sintonia. Lui era un grande appassionato di mistica evoleva approfondire molto sul Cristianesimo».
Nei momenti in cui la malattia si era fatta più critica, padre Guidalberto voleva capire come si sentisse l’amico, per aiutarlo e accompagnarlo: «Gli chiedevo se era preoccupato, lui mi disse: “No, ho fatto tutto quello che dovevo fare, ho fatto una vita bella, mi sono divertito”. E i suoi occhi luminosi non mentivano. Mi sembrava così davvero, l’ho visto anche maturare. Era di una pace e con lo sguardo sempre più dolce»

 

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui