La crisi peggiora l’economia delle famiglie: “Oltre il 60% fatica ad arrivare alla fine del mese”

Lo afferma uno studio della Banca d’Italia, sottolineando che “si tratta di 10 punti percentuali in più rispetto al periodo precedente la pandemia”.
Oltre il 60% dei nuclei familiari consultati per misurare gli effetti della crisi Covid dichiara di avere difficoltà economiche ad arrivare alla fine del mese. Lo afferma uno studio della Banca d’Italia, sottolineando che “si tratta di 10 punti percentuali in più rispetto al periodo precedente la pandemia”. I maggiori problemi sono riferiti laddove il capofamiglia è un lavoratore autonomo. Un dato rilevante riguarda la riduzione consumi non durevoli: oltre l’80% dichiara di aver ridotto le spese per servizi di alberghi, bar e ristoranti e di aver effettuato meno frequentemente acquisti in negozi di abbigliamento rispetto al periodo precedente la pandemia; una quota pari a due terzi riporta una spesa più bassa per i servizi di cura della persona. Le famiglie italiane, inoltre, non si aspettano che l’emergenza sanitaria venga superata entro un orizzonte ravvicinato: solo il 16% ritiene che verrà meno nel corso del 2021, mentre un terzo pensa che si protrarrà almeno fino al 2023.

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.