Il principe William contro la Bbc «Hanno raggirato mia madre»

« Hanno fatto affermazioni oscure e false sulla famiglia reale che hanno giocato sulle sue paure »

Durissima la presa di posizione del principe William contro la Bbc colpevole – secondo un’inchiesta ufficiale – di aver raggirato la principessa Diana nella famosa intervista del 1995 (http://www.luniversaleditore.it/2021/05/20/intervista-a-lady-d-della-bbc-era-manipolata/).
In una nota ufficiale diffusa dallo staff del duca di Cambridge – che porta la firma proprio del principe William – l’erede al trono si è detto «estremamente preoccupato» dei risultati emersi dall’indagine contro la Bbc.
«Il modo ingannevole di ottenere l’intervista ha sostanzialmente influenzato ciò che ha detto mia madre (…) Hanno mentito e utilizzato documenti falsi, affermazioni oscure e mentito per ottenere l’intervista con mia madre» ha commentato William davanti alla stampa.
«È preoccupante che i dipendenti della Bbc abbiano mentito e utilizzato documenti falsi per ottenere l’intervista con mia madre. Abbiano fatto affermazioni oscure e false sulla famiglia reale che hanno giocato sulle sue paure e ha contribuito a peggiorare la relazione dei miei genitori e ha alimentato la paranoia di mia madre e da allora ha ferito innumerevoli altre persone».
Nel comunicato diramato da Kensington Palace, il principe William lancia pesanti accuse all’indirizzo dei vertici dell’emittente televisiva, che oggi chiede ufficialmente scusa alla famiglia reale e in particolare ai principi William e Harry, al principe Carlo e al fratello di lei, Charles Spencer, per scusarsi dell’accaduto in tutti questi anni.
«Mia madre è stata delusa non solo da un reporter canaglia, – aggiunge il principe di Cambridge – ma dai leader della BBC che hanno guardato dall’altra parte piuttosto che fare le domande difficili, ingannata senza aver mai saputo di esserlo stata»

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui