Iran: il regista Babak Khorramdin è stato ucciso e smembrato dai genitori

Il corpo era stato fatto a pezzi e gettato in un cassonetto.

Si tratta di un vero e proprio dramma accaduto in Iran. Il regista Babak Khorramdin è stato ucciso e fatto a pezzi dai genitori, poi il suo corpo è stato buttato in un cassonetto. I resti del cadavere sono stati trovati per caso all’interno di una valigia e di un sacco dell’immondizia. Interrogati dagli inquirenti, i genitori del regista hanno confessato l’uccisione, ammettendo di aver provocato, anni prima e con metodo analogo, anche la morte della figlia e del genero. In più, durante un’udienza in tribunale, il padre ha affermato: “Non mi pento di quello che ho fatto con la collaborazione di mia moglie. Erano corrotti e ringrazio Dio”. Khorramdin era laureato all’Università di Teheran; aveva vissuto per diversi anni a Londra, ma da qualche tempo era tornato in patria, per dedicarsi all’insegnamento. L’uomo, non avendo moglie e frequentando spesso le sue studentesse, non era visto di buon occhio dalla famiglia, che ha, perciò, deciso di liberarsene.

 

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.