‘Ndrangheta: arrestato in Brasile il boss Rocco Morabito

Era il numero due dietro a Matteo Messina Denaro tra i latitanti più ricercati. 

Una grande operazione internazionale, organizzata dai Ros con polizia, Dea, Fbi, Interpol e polizia federale brasiliana, ha permesso l’arresto del superlatitante Rocco Morabito. Il boss era fuggito nel 2019 da un carcere uruguayano e da quel momento era diventato uno dei più ricercati, dietro solo a Messina Denaro. Principale punto di riferimento dei cartelli del narcotraffico, nonché esponente di spicco della cosca Morabito- Bruzzaniti-Palamara di Africo Nuovo (RC) e affiliato alla locale di Volpiano (To), gli investigatori hanno seguito le sue tracce lungo tutto il Sudamerica.

Il boss è destinatario di più sentenze di condanna per reati associativi e in materia di traffico di stupefacenti. Prima della detenzione in Uruguay, dal 2017 al 2019, Morabito era stato latitante per ben 23 anni. Insieme a lui, l’operazione ha portato alla cattura di un altro latitante, di nome Vincenzo Pasquino, proveniente da Torino e anche lui presente nella lista del ministero degli interni fra i ricercati più pericolosi.

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.