Uk: scontro sulla pandemia fra Cummings e il governo Johnson

“Decine di migliaia di morti da Covid-19 causati dalla nostra incompetenza”

L’audizione dell’ex consigliere Dominic Cummings era attesa dalla maggior parte dei governanti britannici: il j’accuse era nell’aria e Cummings non ha deluso le aspettative. Le sue parole contro il governo disegnano un quadro drammatico: “La verità – ha detto l’ex consigliere capo del Primo Ministro – è che alti ministri, alti funzionari, alti consiglieri come me hanno disastrosamente disatteso gli standard che la gente ha il diritto di aspettarsi dal suo governo in una crisi come questa. Il governo ha fallito quando il Paese ha avuto più bisogno di noi. E vorrei dire a tutte le famiglie di coloro che sono morti senza che fosse inevitabile quanto mi dispiace per gli errori che sono stati fatti e per i miei stessi errori”. In più, Cummings non risparmia il ministro della salute Matt Hancock: il suo comportamento è stato, infatti, definito “criminale”.

Ovviamente, la risposta di Boris Johnson, in difesa del suo esecutivo e del suo operato, non si è fatta attendere: “La gestione della pandemia è stata una delle cose più difficili che questo Paese abbia dovuto affrontare in molto tempo, ma nessuna delle decisioni è stata facile. Entrare in un lockdown è una cosa traumatica per un paese, affrontare una pandemia di questa portata è stato terribilmente difficile, e in ogni fase abbiamo cercato di ridurre al minimo la perdita di vite umane, di salvarle, di proteggere l’NHS e abbiamo seguito il più possibile i consigli del comitato scientifico, signor Speaker”.

A questo punto bisognerà vedere come il paese reagirà alle prossime elezioni, poiché nel termine della crisi pandemica, il piano vaccinale inglese è stato indubbiamente uno dei più efficaci e più esemplari. Ai posteri l’ardua sentenza.

 

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.


Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.