Chef Rubio contro Totti, ospite di uno sponsor a Tel Aviv: “Una carriera da Capitano per poi finire camerata”

Le polemiche si sono scatenate quando Totti è atterrato in Israele, a causa del conflitto di questo periodo tra Isrlaese e il movimento palestinese Hamas.
Per un’iniziativa legata ad Heineken, Francesco Totti, ex capitano della AS Roma, si è recato a Tel Aviv per seguire la finale di Champions League tra Manchester City e Chelsea. Il viaggio dell’ex capitano della Roma ha però fatto storcere il naso a Chef Rubio per via del conflitto di questo periodo tra Israele e il movimento palestinese Hamas. “Comunque la @OfficialASRoma è più vecchia dello stato illegale, teocratico, d’occupazione e apartheid israeliano fondato dai sionisti, gruppo di sadici fascisti, razzisti e colonialisti. Una carriera da Capitano per poi finire camerata”. Questo il messaggio contenuto nel tweet dello chef che, successivamente, ha rimarcato la sua posizione con un altro tweet: “È più pesante criticare chi per soldi sponsorizza uno “Stato” genocida, oppure il rastrellare, stuprare, uccidere, bombardare, cecchinare, torturare, incarcerare, storpiare e fare pulizia etnica? @tpi @romatoday @forzaroma @dissapore @Laziosiamonoi @arenapoliit @romanewseu? Mmm?”

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.