“Buddha in contemplazione”

La nuova scultura “invisibile” di Salvatore Garau in piazza della Scala a Milano

Sotto lo sguardo vigile della statua di Leonardo da Vinci, c’è un quadrato tracciato in terra che delimita la scultura «Buddha in contemplazione» di Salvatore Garau.
Una scultura a impatto ambientale zero essendo fatta di sola …aria.
«Come la musica, il canto o la preghiera ci aiutano a vedere ciò che non vediamo, così anche solo un titolo è sufficiente per farci vedere e percepire un’esistenza – così l’artista sardo originario di Santa Giusta (Or) sottolinea la genesi di questa sua nuova arte “invisibile” – Non importa che sia visibile o non visibile, questa forma generata col pensiero adesso è qui, sopra il quadrato bianco, ormai esiste e resterà in questo spazio per sempre e il tempo non potrà deteriorarla»
Ossessionato dall’idea che anche l’invisibile abbia una sua “consistenza” Garau ha deciso di esporre solo ora la sua scultura che non si vede come una perfetta metafora del momento in cui viviamo costretti dalla pandemia, laddove «l’isolamento amplifica a dismisura l’affastellamento delle immagini a cui oggi siamo soggetti, il troppo si annulla e non resta che il nulla».
«L’assenza della materia – spiega l’artista – è un atto d’amore verso il non-conosciuto e il mistero al quale quasi l’intera umanità si affida. Nessuno ha mai visto il proprio Dio, ma non importa, la fede compone l’immagine»

L’Universale è un giornale gratuito. Se vuoi sostenerlo con una piccola donazione clicca qui.

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.