E Paul Pogba emula Cristiano Ronaldo.

Sposta una bottiglia di birra (analcolica)

E così dopo Cristiano Ronaldo che rifiuta di farsi riprendere dietro a una “Coca Cola” perché contraria al suo stile di vita salutista, arriva anche Paul Pogba che durante la conferenza-stampa dopo la  vittoria della Francia contro la Germania, sposta da davanti a sé una bottiglia di birra della Heineken (fra i main sponsor Uefa), perché musulmano. Peccato che quella birra fosse analcolica.
Ronaldo che oltre ai suoi ingaggi faraonici, incassa dagli sponsor qualcosa tipo 50 milioni di euro l’anno, dovrebbe conoscere molto bene come gira il mondo. Ha prestato la sua immagine per campagne di automobili, orologi, valigie, compagnie aeree, prodotti farmaceutici, shampoo, biancheria intima, abbigliamento sportivo, quindi dovrebbe conoscere quindi che quelle “due bottigliette” sono il prezzo che la multinazionale di Atlanta ha chiesto di pagare in cambio della main sponsorship dell’evento calcistico europeo.
Inoltre quel suo gesto antiCoca-Cola pare sia costato all’azienda una perdita di circa 4 miliardi di euro di capitalizzazione in borsa.
È pur vero che la “coerenza è la virtù degli imbecilli” ma molti con la memoria lunga hanno fatto notare che nel 2008 CR7 promuoveva per il mercato asiatico proprio l’odiata bevanda e che nel 2012 fu ritratto in uno spot mentre addentava voracemente una coscia di pollo fritta di una nota catena di fast-food.
E ora arriva Pogba anti birra? Ma non ci è dato sapere di particolari rimostranze o levate di scudi, visto che tra i main sponsors del Manchester United c’è anche una azienda di vini e una di scotch whisky che contribuiscono a pagare il suo mega ingaggio.
A questo punto arriva in modo geniale Radja Nainggolan, spesso criticato per il suo stile di vita un po’ sregolato, che posta un buffo fotomontaggio nel quale appare in conferenza stampa davanti al bancone una lunga fila di bottiglie di superalcolici col commento «E dai, facciamoci una risata»
Pecunia non olet, dicevano gli antichi. Ma il moralismo d’accatto, no grazie.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè»
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.