Toninelli querelato da Berlusconi per diffamazione

L’ex ministro pentastellato lo ha annunciato con un video su Facebook.

L’ex ministro dei cinque stelle, Danilo Toninelli, è stato querelato da Silvio Berlusconi per diffamazione. Ad annunciarlo al pubblico è stato lo stesso pentastellato, che si è anche detto molto preoccupato per il pagamento chiesto dall’ex premier: “Cosa volete che siano 200mila euro per un politico che si tiene tutto lo stipendio? Per me invece sono tantissimi perché lo stipendio non me lo sono mai tenuto. Qua Berlusconi mi cita a livello civile in un processo che inizia con una mediazione e mi cita per una somma non inferiore a 200mila euro”. In più, Toninelli ha anche scritto, in un post: “Berlusconi mi chiede non meno di 200 mila euro di danni perché, secondo i suoi avvocati, lo avrei diffamato. Pensate voi che in questi anni ne ho restituiti a tutti voi cittadini (anche a lui quindi) ben di più. L’ho fatto volentieri, perché per noi del MoVimento 5 Stelle fare politica vuol dire mettersi al servizio dei cittadini, e non arricchirsi con i loro soldi. Forse Berlusconi non sa quindi che il conto corrente di un portavoce del MoVimento non è come quello di un parlamentare di Forza Italia o di qualsiasi altro partito. Io questi soldi non li ho, ma lotterò per difendere le mie ragioni. Voi però aiutatemi a fare conoscere a più gente possibile i rischi a cui vanno incontro i parlamentari che si mettono contro il Sistema!”. La solidarietà dai compagni di partito non si è fatta attendere.

 

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.