Archeologia: trovato in Sardegna un guerriero in bronzo risalente a tremila anni fa

Nelle campagne di Nughedu San Nicolò (Sassari) presso il santuario Cuccuru Mudeju,

Un elmo con corna arcuate verso l’alto, lunghe trecce sul collo, occhi a mandorla e un gonnellino corto sulle gambe divaricate nella tipica posa da guerriero sardo, un nuragico di circa tremila anni fa.
È alto circa venti centimetri, una misura considerata grande ed è datato tra la fine dell’età del Bronzo e l’inizio dell’età del Ferro.
Sul petto ha un pugnale appoggiato in diagonale – simbolo dell’età adulta – e sulla sinistra uno stocco, un’arma a cui è legata con un cappio ad uno scudo rotondo, con decorazioni a raggiera, ben poggiato sulla schiena.
La scoperta, considerata dagli archeologi di straordinaria importanza, è avvenuta nelle campagne di Nughedu San Nicolò (Sassari), presso il santuario Cuccuru Mudeju, un luogo che, in età antica, costituiva una via di penetrazione, anche per le risorse minerarie.
Un’area, forse più trafficata allora rispetto a oggi, dove il sacro si univa al profano con incontri di pellegrini e commercianti, genti che arrivavano da varie sponde del Mediterraneo.
«Non ci sono parole per descrivere l’emozione di un ritrovamento simile – ha commentato con un post su Facebook l’archeologa Nadia Canu -. E non ci sono parole per esprimere la gratitudine per tutte le persone che hanno reso possibile il cantiere».

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
-in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.

Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.

Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui