Toninelli preferisce i “navigator” ai “velisti”.

Nicola Porro: «Caro Toninelli, ti spiego perché amo spendere i soldi che guadagno lavorando»

L’ex ministro Danilo Toninelli appartiene a quella categoria che pensa «anche i ricchi devono piangere» e notando un post di Nicola Porro, giornalista, conduttore tv e vicedirettore de «il Giornale» nel quale aveva condiviso con i follower un momento di relax in barca a vela con la famiglia, Toninelli si “imbarca” in una biliosa polemica politica. «Ecco uno dei soggetti contro il reddito di cittadinanza» ha scritto sui social con tanto di faccina sorridente ed emoticon dei soldi, ovvero: facile essere contro il reddito quando vivi nel lusso più sfrenato e puoi permetterti vacanze che noi comuni mortali non possiamo sognarci.
Porro ha risposto egualmente sui social, con una delle sue “zuppa serale” (la «zuppa di Porro» è un appuntamento del vice direttore de “il Giornale” coi suoi followers per commentare sui social i fatti del giorno, ndr) e approfitta per una breve lezione di economia al grillino. «I miei soldi servono a rendere più bello il mio tempo libero […] il denaro è fatto per essere speso […] chi produce reddito ne versa una buona metà nelle casse dello Stato (il quale poi spesso lo spreca in mancette) e del poco che gli rimane può fare due cose: nasconderlo sotto il materasso oppure usarlo per godersi la vita. Se tutti tenessero in banca i risparmi o accumulassero piscine di soldi in stile Paperon de’ Paperoni, prima o poi l’economia crollerebbe. Se invece chi può spende, allora il Paese progredisce. Non ci vuole molto per capire che la “navigazione” sugli yacht sarebbe da preferire ai “navigator”».

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui