Conte su Grillo: “Questa svolta autarchica mortifica tutti”

L’ex premier si dimostra amareggiato per la presa di posizione del fondatore.

Ormai, la soap opera pentastellata è arrivata agli sgoccioli: tutti, anche Il Fatto Quotidiano, faticano a comprendere le vicende politiche e i battibecchi fra Beppe Grillo, fondatore del Movimento, è Giuseppe Conte, potenziale innovatore dello stesso. Tutto è scoppiato una settimana fa, quando Grillo ha ricordato di non essere un coglione, bensì il garante. “Conte non c’era quando giravamo le piazze d’Italia”, aveva detto l’ex comico ai parlamentari pentastellati. Il giorno seguente, un incredulo Conte ha risposto allontanandosi a malincuore: “Se Grillo pensa questo, io lascio”. In più, a rincarare la dose, un’altra affermazione del fondatore, secondo cui Conte non avrebbe esperienza di management e di amministrazione: viene spontaneo chiedersi perché ha fatto il premier per due anni e mezzo, se questo è quello che pensa il capo del partito che più lo sosteneva. A questo punto, Conte ha annunciato, intercettato dal Corriere della Sera, che la svolta autarchica presa da Grillo non amareggia solo lui, ma tutto il Movimento, pronto a rinnovarsi sotto la sua guida. Oggi, anche Il Fatto Quotidiano, il giornale più vicino alle vicende pentastellate, è rimasto abbastanza scioccato dalla repentina rottura dei rapporti fra Grillo e Conte.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui