La fertilità degli sciacalli dopo la morte di Raffaella Carrà!

C’è chi è disposto a cogliere una dolorosa notizia per appoggiare le proprie idee.

La triste notizia la morte di Raffaella Carrà ha sconvolto – trasversalmente – tutti gli Italiani (e non solo!). https://www.luniversaleditore.it/2021/07/05/raffaella-carra-il-cordoglio-del-mondo-della-politica-e-dello-spettacolo/. Ma c’è chi non ha saputo trattenersi neppure davanti a questo doloroso evento per rilanciare “ad hoc” la propria idea. E così, subito dopo la comunicazione di Sergio Japino, il popolo no vax sul web si è scatenato con moltissime e fantasiose teorie sulla connessione tra la morte dell’amata showgirl e il vaccino anti Covid che la Carrà aveva annunciato più volte di voler fare al più presto. Sul web si registrano pensieri come: «Che vaccino aveva fatto la Carrà? Non c’è lo diranno mai…», «Sarà stato il vaccino?», «Io non vorrei infierire, ma anche la Carrà aveva fatto l’elogio del vaccino… e oggi è morta… ». E ancora «Ci hanno tolto una icona mondiale per colpa di questi veleni. Vergogna». Tutte ipotesi false visto che Raffaella Carrà è morta per una malattia che aveva da tempo, come annunciato dal suo ex compagno Sergio Japino: «[…] una volontà ferrea che fino all’ultimo non l’ha mai abbandonata, facendo si che nulla trapelasse della sua profonda sofferenza»… Ma esistono sciacalli di varie specie. Anche Fabrizio Marrazzo, attivista LGBT+ coglie l’occasione e lancia dal suo sito un post per spingere l’approvazione del ddl ZAN, appoggiandosi al fatto che la Carrà fosse stata eletta “icona gay”: «ciao Raffaella sei stata un simbolo di libertà per la comunità Lgbt+, si migliori ddl omotransfobia e si approvi in sua memoria»

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui