5 anni in Appello a Genovese, che investì Gaia e Camilla

L’incidente fatale accadde il 21 dicembre 2019

Pietro Genovese, il ventenne romano che investì Gaia e Camilla il 21 dicembre 2019, provocandone la morte, è stato condannato a 5 anni di reclusione dalla Corte d’Appello di Roma. In primo grado, il giovane aveva ricevuto 8 anni e da 1 anno e 7 mesi era agli arresti domiciliari. Per i giudici la misura disposta è adeguata “all’esigenza cautelare sociale” alla luce della dell’incensuratezza e del corretto comportamento processuale dell’imputato e del fatto che la patente di guida gli sia stata revocata. Il procedimento non prevedeva più anche la parte civile, in quanto le famiglie delle vittime sono già state risarcite. “Abbiamo sempre voluto la verità e quella è rimasta. La colpa è solo del ragazzo, l’entità della pena non ci interessa, riguarda la coscienza dei giudici”, ha commentato la madre di Camilla.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui