Il gip di Milano decide di archiviare l’accusa di finanziamento illecito per Lara Comi.

Restano le contestazioni di corruzione, truffa al Parlamento europeo e false fatture.

Il gip di Milano ha archiviato la tranche dell’indagine “Mensa dei poveri” con l’ipotesi di reato di finanziamento illecito nei confronti dell’ex europarlamentare di Forza Italia Lara Comi e il presidente di Confindustria Lombardia Marco Bonometti. A darne comunicazione è stato l’avvocato Giampiero Biancolella. L’accusa si basava sull’ipotesi che Bonometti avesse pagato 31 mila euro a Lara Comi nel gennaio 2019 per finanziare due ricerche di mercato sull’Europa alla società Premium Consulting srl, di cui la stessa Lara Comi è socia. Per l’accusa, questo sarebbe stato un finanziamento illecito perché, stando a quanto riportato dalla stampa dell’epoca, i 31 mila euro, secondo gli inquirenti, sarebbero in realtà serviti a finanziare la campagna elettorale dell’on.le Comi. L’avvocato Biancolella ha sempre sostenuto l’innocenza dell’assistita: «La consulenza era regolare e non c’è stato alcun finanziamento illecito […] non vi era quindi motivo per simulare un contributo elettorale con una prestazione di servizi. In ogni caso la prestazione è stata resa dalla società, nell’ambito dell’oggetto sociale della stessa e nell’ambito delle specifiche competenze». Continua, invece, l’iter giudiziario nell’udienza preliminare relativa alle contestazioni di corruzione, truffa al Parlamento europeo e false fatture negli altri filoni della maxi inchiesta dei pm Bonardi-Furno-Scudieri. I legali di Lara Comi, informano che «la difesa ha sottolineato le molteplici contraddizioni intrinseche che si rinvengono nelle dichiarazioni di chi l’ha accusata, contrastate anche da documenti e che documentalmente è stata anche provata l’insussistenza di tutti gli addebiti mossi».

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui