Ddl Zan, bagarre al Senato: ma le pregiudiziali per bloccare la legge vengono bocciate

Respinta la pregiudiziale di costituzionalità presentata da Fdi e Lega con 124 sì, 136 no e quattro astenuti.

È caos al Senato con la presidente Casellati costretta a convocare la capigruppo per decidere le votazioni sulle pregiudiziali al ddl Zan. Quella presentata da Fdi e Lega è stata bocciata dall’Aula con 124 sì, 136 no e quattro astenuti. Fissato il termine per la presentazione degli emendamenti per martedì 20 alle 12. “Italia viva voterà contro la questione pregiudiziale (per bloccare il disegno di legge Zan, ndr) ma ci sono momenti nella vita delle istituzioni democratiche in cui dobbiamo ricordarci chi siamo: non siamo influencer che mettono dei like o che pensano che la politica fa schifo e nemmeno siamo quelli che pensano che in Italia si debba superare il bicameralismo“. L’ha detto in Aula il senatore e fondatore di Italia viva, Matteo Renzi. E ha aggiunto: “Finché ci sono due Camere qui dentro si discute, altrimenti si sta dando ragione all’antipolitica“. “Il mio appello è molto semplice – continua Renzi -: si faccia un accordo sui punti legati all’articolo 1, 4 e 7 e, fatto questo, si chieda a tutte le forze politiche di portare la discussione alla Camera entro 15 giorni“. “Se invece si va allo scontro, avrete distrutto la vita di quei ragazzi“, ha aggiunto riferendosi alle vittime di violenze di omofobia. Questo, invece, l’intervento del leader della Lega, Matteo Salvini: “Ai colleghi senatori chiedo di superare gli steccati ideologici, guardandoci in faccia. Non penso che in Aula ci sia un solo senatore che discrimini in base al sesso e alla sua scelta di vita, e se c’è vuol dire che è un cretino che non merita di stare in quest’aula“. Poi aggiunge: “Quando io da segretario della Lega firmo le liste non chiedo ‘sei omosessuale, sei eterosessuale’, io cerco di trovare uomini e donne in gamba, senza ghettizzare nessuno, senza etichettare nessuno. Io ringrazio i promotori di questa legge, e spero che il tratto finale di questo percorso ci veda insieme perché sarebbe un bellissimo segnale“. Infine conclude: “Se l’obiettivo comune è quello di tutelare il diritto all’amore, che è sacro, alla libertà, poniamo un attimo da parte la bandiera, l’ideologia, il paraocchi“. Il senatore di Forza Italia, Lucio Malan: “Forza Italia non ha presentato pregiudiziali, ma voterà in favore di  tutte le pregiudiziali presentate“. “La Commissione Giustizia è stata calpestata nelle sue prerogative, il presidente Ostellari ci ha impedito il voto anche sulla calendarizzazione. Ora bisogna rispettare il voto dell’aula del Senato sulla calendarizzazione del provvedimento e avviare la discussione generale sul ddl Zan“. Lo ha dichiarato in Aula Alessandra Maiorino, senatrice del M5s, aggiungendo che “una mediazione sarebbe possibile se chi vuole mediare fosse davvero interessato ai diritti delle persone. Così non è. La Lega ha sempre negato che esista un problema di omotransfobia“.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui