Ddl Zan, il Senato respinge per un voto la proposta di sospensiva

Salvini: “Sospensiva bloccata per un voto, è una legge morta”. Renzi: “A scrutinio segreto non passa, serve accordo”.

L’Aula del Senato ha respinto la proposta di sospensiva al ddl Zan per un solo voto: 136 sì e 135 no. Le questioni sospensive erano state presentate da Forza Italia e Lega. “Se Letta e il Pd insistono a non voler ascoltare, dialogare e trovare una soluzione, la legge è morta“, ha dichiarato il segretario della Lega Matteo Salvini. Il leader di Italia Viva Matteo Renzi, non presente in Aula perché a Firenze per presentare il suo ultimo libro: “Sul Ddl Zan il Senato ha respinto per un voto la sospensiva a scrutinio palese. Immaginate cosa potrà accadere con voto segreto“. Poi aggiunge: “I numeri sono a rischio. Quindi il mio suggerimento è di fare un grande accordo, perché a scrutinio segreto questo disegno di legge non passa. Si cambino gli articoli 1, 4 e 7, che sono tranquillamente modificabili e si può andare a chiudere alla Camera nel giro di 15 giorni“. Da Fratelli d’Italia filtra l’irritazione per le assenze del centrodestra in Aula. Se fossero stati tutti presenti, fanno notare dal gruppo di FdI, la sospensiva sarebbe passata. Tra i senatori che non hanno partecipato al voto ne conta 8 Fi, 7 la Lega mentre FdI era a schieramento completo con i suoi 20 senatori. Davide Faraone, presidente dei senatori di Italia Viva, ha commentato: “Questo voto dimostra chiaramente quello che diciamo da tempo, o si cambia rotta o il ddl Zan va a fondo. Il Pd e il M5S hanno il dovere morale di discutere e trovare soluzioni. Se continuano ad arroccarsi saranno responsabili davanti al Paese di questo fallimento“.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui