FIGC, scelta del bus condivisa da tutte le Istituzioni

“Non è nostra intenzione alimentare ulteriori polemiche, perché non vogliamo trasformare un momento di gioia nazionale in un argomento di divisione”

Lo afferma il presidente della Figc, Gabriele Gravina, replicando alle dichiarazioni del prefetto di Roma Matteo Piantedosi. La Figc è “sempre stata responsabile, ma soprattutto rispettosa delle istituzioni e dei tifosi italiani”, aggiunge Gravina. Nella nota si spiega che all’arrivo davanti Palazzo Chigi” la Figc ha reiterato “la richiesta, a questo punto condivisa dalle istituzioni, per un breve tragitto con il bus scoperto”. In un’intervista al Corriere della Sera il prefetto di Roma, Matteo Piantedosi afferma che il permesso a festeggiare la vittoria dell’Italia agli Europei sull’autobus scoperto era stato negato, ma i patti non sono stati rispettati. Per i festeggiamenti “avevo concordato la linea con la ministra dell’ Interno Luciana Lamorgese e con il capo della polizia Lamberto Giannini. La riunione era proprio per decidere che cosa fare e per questo abbiamo coinvolto direttamente anche la Figc – sottolinea il prefetto – che chiedeva di consentire agli atleti della Nazionale di fare un giro per Roma su un autobus scoperto, ma è stato spiegato chiaramente che non era possibile e che non potevamo autorizzarli”. Si era detto no perché “dovevamo gestire il passaggio dal Quirinale a Palazzo Chigi cercando di conciliarlo con le esigenze di sicurezza legate alla pandemia e dunque evitare in ogni modo assembramenti”. Dalla Figc, dice il prefetto di Roma, avevano assicurato che sarebbe stato utilizzato “un autobus coperto.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Acquista la rivista in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.

Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.

Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui