Belgio: l’inondazione distrugge la fabbrica di cioccolato “Galler”

Restano solo i macchinari accartocciati come foglietti di carta stagnola di un cioccolatino.

Dopo aver superato la pandemia, il maltempo ha dato un bel colpo a questo stabilimento storico lasciando una scia acre di combustibile, acqua stagnante e cioccolato. Ciò che resta della Galler, storica fabbrica per la produzione di cioccolato in Belgio e famosa in tutto il mondo sono solo i macchinari accartocciati come fossero foglietti di carta stagnola di un cioccolatino. Ci sono ancora i sacchetti di sabbia che i dipendenti hanno messo per tentare di proteggere la fabbrica come ultimo tentativo. Sacchetti che purtroppo non hanno saputo reggere all’urto impetuoso dell’acqua e del fango che si è schiantato sulla fabbrica. Lo stabilimento di Chaudfontaine, fuori dalla città di Liegi è accreditato come fornitore ufficiale della corte di re Filippo e fornisce cioccolato a tutto il mondo, fino al Giappone. «È ora di fare il punto – spiega Valerie Stefanatto, la 32enne responsabile delle comunicazioni – Il fango ha invaso tutti i locali. La fabbrica è qui da 1976 e non abbiamo mai visto un’alluvione. I tini che contenevano il cacao sono letteralmente scoppiati. Ma poteva andare anche peggio: le scorte erano state conservate in un deposito a nord di Liegi, e si sono salvate, ma abbiamo colleghi che hanno perso tutto». Prima della pandemia la Galler produceva 1.700 tonnellate di cioccolato all’anno e fatturava oltre 30 milioni di euro. Ora si deve capire da dove ripartire, «la priorità – spiega la Stefanatto –  è mettere in sicurezza la fabbrica e ripristinare l’elettricità, per vedere se le macchine funzionano ancora». Nessuno si sbilancia davanti ad un passato da ricostruire e 60 dipendenti preoccupati.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Numero Ventisei Diciassette Luglio 2021 «Il Caffè» TE A MARAT. DAVID"

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui