Delitto di Voghera, testimone: “L’assessore ha preso la mira e ha sparato”

Un cittadino marocchino avrebbe assistito alla morte di Youns El Boussettaoui, ucciso con un colpo di pistola. Confermati i domiciliari per Adriatici.

L’italiano non ha sparato per sbaglio. Ha preso la pistola, l’ha puntata verso Youns e subito ha esploso il colpo che lo ha ucciso“. È il racconto di un cittadino marocchino che sarebbe testimone della morte di Youns El Boussettaoui, ucciso con un colpo di pistola martedì sera a Voghera dall’assessore Massimo Adriatici. Il gip di Pavia ha convalidato l’arresto di Adriatici, accusato di eccesso colposo di legittima difesa, confermando i domiciliari. A riportare la testimonianza, il quotidiano La Repubblica. “Ho visto un signore italiano che stava parlando al telefono, Youns lo ha spinto e l’italiano è caduto in terra sulla schiena – racconta il cittadino marocchino – A quel punto, mentre era sdraiato, ha estratto la pistola dal fianco e gli ha sparato un colpo a sangue freddo. Dopo essere stato colpito, Youns è corso via con la mano sulla pancia e poi è caduto a terra“. Il testimone sostiene inoltre che si trovava “a sei, sette metri dalla scena“.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Numero Ventisei Diciassette Luglio 2021 «Il Caffè» TE A MARAT. DAVID"

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui