“Vaccinatevi”, l’appello sulla tuta di un’infermiera del reparto di rianimazione dell’ospedale di Cagliari

Il messaggio è stato lanciato dopo il picco di ingressi tra i non vaccinati nelle terapie intensive (che in Sardegna hanno toccato la soglia critica del 10%).

La battaglia per sconfiggere il Covid-19 è ancora lunga: in Sardegna salgono sempre più i ricoveri, soprattutto nelle terapie intensive che hanno toccato la soglia critica del 10%, con un boom di ingressi tra i non vaccinati. Per questo motivo arrivano da più parti appelli per aderire alla campagna vaccinale, come quello di un’operatrice sanitaria che lavora all’interno del reparto di rianimazione dell’ospedale Santissima Trinità di Cagliari. Un messaggio positivo: la scritta vaccinatevi e un sorriso, disegnati sul dorso della tuta che ogni giorno infermieri e medici devono indossare nei reparti per difendersi dal coronavirus. L’immagine è stata rilanciata sui social da un suo collega infermiere e capogruppo del Pd in Consiglio Comunale a Cagliari, Fabrizio Marcello, che su Facebook scrive: “Lo può solo scrivere la nostra collega della rianimazione, lo fa perché le parole, ormai per molti sono diventate vane. Lo fa lanciando l’ennesimo appello, perché i suoi occhi vedono cosa sta succedendo. Purtroppo per la quarta volta si dovrà bardare da palombara, molto probabilmente non farà ferie, non aggiungo il suo stato d’animo“.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Numero Ventisei Diciassette Luglio 2021 «Il Caffè» TE A MARAT. DAVID"

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui