Cacciari sbotta a Zona Bianca: “Dittatura? Giochetti ridicoli, me ne vado”

Durante l’ultima puntata dell’ormai noto talk show di Rete Quattro, il filosofo ha avuto una discussione molto accesa con il conduttore della trasmissione Giuseppe Brindisi.

Durante l’ultima puntata di Zona Bianca, andata in onda ieri sera su Rete Quattro, Massimo Cacciari ha avuto una discussione molto accesa con il conduttore della trasmissione Giuseppe Brindisi. A scatenare l’ira del filosofo una domanda in particolare. Il conduttore gli ha chiesto se il Green Pass o altre misure anti-Covid fossero da “dittatura e regime totalitario“. “Ma chi ha mai parlato di dittatura – è esploso l’ex sindaco di Venezia -. Smettiamola con questi giochetti ridicoli, io non l’ho mai detto e se continuiamo così me ne vado“. Non è passato molto tempo prima che Cacciari spiegasse il suo pensiero: “Io parlo di questioni che riguardano la Costituzione e l’ordinamento giuridico. Non è possibile, neppure in base alla nostra Costituzione, procedere per la quinta volta attraverso stati d’emergenza senza stabilire in base a quali criteri questi stessi stati di eccezione vengano dichiarati. È pericolosissimo procedere in questo modo senza consapevolezza e senza un fine preciso. Bisogna determinare per legge i casi per cui si stabilisce uno stato d’emergenza. L’unico punto in cui da noi si accenna allo stato d’emergenza è il codice della Protezione Civile sui disastri naturali“. Il filosofo non ha preso bene l’uscita di Brindisi, che lo avrebbe così accostato ai no vax: “Ridicolo. Se c’è uno che è sempre stato attento agli argomenti scientifici sono io. Il Green Pass è una discriminazione, ma non ho mai detto che è da regime totalitario. Dico solo che è un pericolo. Il pericolo è un’involuzione della democrazia. Lo ha detto anche il ministro Cartabia che non si deve abusare dello stato di emergenza. Bisogna avere coscienza del pericolo, punto“. Non è un caso infatti che lo stesso Cacciari sia corso a vaccinarsi contro il coronavirus: “Mi sono vaccinato maturando una decisione libera, personale, informata. E consiglierei chiunque a farlo“. Da qui la conclusione: “In che consiste la dignità della persona umana se non nella possibilità di scegliere con informazione e liberamente? Mi sono informato e mi sono vaccinato“.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Numero Ventisei Diciassette Luglio 2021 «Il Caffè» TE A MARAT. DAVID"

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui.