L’uomo più veloce del mondo risponde… con calma.

Dopo giorni di stizzite insinuazioni, Jacobs rompe il silenzio sulla sua vittoria.
E sarà il portabandiera azzurro alla cerimonia di chiusura

Lamont Marcell Jacobs ha preso fiato, ha lasciato parlare gli invidiosi (soprattutto americani e inglesi!) che non hanno digerito il fatto che abbia vinto la medaglia d’oro nei 100 metri piani e poi con la calma ossimorica dell’uomo più veloce del mondo ha deciso di rispondere, usando l’indifferenza. «Le polemiche non mi toccano assolutamente, non rispondo perché darei loro soltanto importanza che non meritano». «So di essere arrivato fin qui solo con il duro lavoro, quindi –  ripeto –  non mi tocca assolutamente» commenta pacatamente l’atleta azzurro evitando quindi di prestare il fianco alle pesanti ed infondate illazioni provenienti da molti critici: dalle scarpe all’assurda accusa di doping. La verità, ovviamente, è che il Lamont Marcell Jacobs ha sbaragliato la concorrenza con un tempo di 9”80 esclusivamente grazie alle sue doti atletiche, tecniche, fisiche e senza l’ausilio di alcun mezzo non consentito dal regolamento.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui.