Polemiche per il concerto di Salmo a Olbia: Fedez e Alessandra Amoroso attaccano, Salmo li spegne

“Potevo andarmi a fare la vacanza come Fedez, invece sono sceso per strada e ho detto la mia. Se avessi voluto seguire le regole non avrei fatto l’artista”, ha risposto il rapper sardo.

Ieri sera si è tenuto al Molo Brin di Olbia un concerto gratuito organizzato dal noto rapper Salmo. L’evento è nato su iniziativa del cantante stesso, che in un post di fine luglio, aveva detto: “Organizziamo un live completamente gratuito e una raccolta fondi su internet per aiutare queste persone danneggiate dagli incendi devastanti dell’Oristanese. Non so quando potremmo fare il live e se ce lo permetteranno, ma noi lo faremo ugualmente. Mi farò arrestare pur di suonare“. Il concerto ha suscitato una vera e propria bufera social e non solo, a seguito del fatto che erano presenti migliaia di persone ammassate a cantare e ballare (che “criminali”). Il primo a scagliarsi contro il rapper sardo è stato il collega Fedez, che in una Instagram Stories ha commentato: “Sfruttare la nostra condizione di privilegio, aggirare le regole per soddisfare capricci personali. Questo non aiuta nessuno“. Poi prosegue: “Avete sputato in faccia a migliaia di onesti lavoratori dello spettacolo che quest’anno cercano di tirare avanti con immensi sacrifici rispettando le regole per andare alla pari con i conti (quando va bene)”. Il coniuge di Chiara Ferragni non risparmia nessuno e si rivolge anche alla regione Sardegna e al sindaco di Olbia: “In che modo pensate di rappresentare le persone che hanno scelto di seguire le regole per difendere i lavoratori e la comunità?“. E ancora: “Come fate a non rendervi conto (o a far finta) che una cosa del genere fatta alle spalle di chi con sacrificio rispetta le regole, nella regione con più alta incidenza di ricoverati legati al covid, non farà altro che peggiorare le condizioni della nostra amata Sardegna“. E conclude: “Non pensate di fare di tutta l’erba un fascio. Perché è inaccettabile che le azioni di pochi ricadano su un intero settore che attende di ripartire da due anni“. Ma Fedez non è il solo ad essere indignato alla vista delle migliaia di persone letteralmente ammassate al concerto di Salmo. Anche la cantante salentina Alessandra Amoroso scrive sui suoi social rivolgendosi direttamente al collega sardo: “Se la tua serata aveva l’intento di una raccolta fondi (giustamente per la tua regione) e per dare voce al nostro settore, ci tengo a dirti che qualcosa è andato davvero storto… Nel rispetto di tante persone credo sia opportuna una tua spiegazione“, conclude. La risposta di Salmo, noto ai più per non avere peli sulla lingua, non si è fatta attendere. “Ieri non c’è stata nessuna raccolta fondi, ho messo i soldi di tasca mia per aiutare la Sardegna. Ad Agosto il centro di Olbia è sempre affollato, esattamente come le spiagge. Gli assembramenti creati dalla finale degli Europei andavano bene, il mio concerto gratuito no. Ora avete una persona con cui prendervela. Non definitevi artisti se poi non avete le palle di infrangere le regole“, tuona in un post su Instagram. “Potevo andarmi a fare la vacanza come Fedez, invece sono sceso per strada e ho detto la mia. Se avessi voluto seguire le regole non avrei fatto l’artista“, conclude nella descrizione. Allora Fedez ha deciso di rispondere sempre tramite le Instagram Stories. “Caro Salmo, ho cercato in due occasioni di coinvolgerti in progetti benefici. La prima a sostegno della categoria dei lavoratori dello spettacolo: Scena Unita ha aiutato migliaia di lavoratori dello spettacolo, tra cui in Sardegna. Il festival di Abbadula a Sassari che per il concerto di Ariete ha lasciato fuori 1200 persone nel rispetto delle regole e per permettere alla Sardegna di ripartire in sicurezza. E al progetto di Scena Unita hanno aderito tutti gli artisti tranne te“, ha scritto. “Qualche settimana fa mi hai scritto per avere un parere su cosa fare per aiutare la Sardegna – prosegue -, ti ho risposto immediatamente mettendomi a disposizione e ho cercato di coinvolgerti in un progetto comune ma sto ancora aspettando una tua risposta. Dall’altra parte se hai già fatto beneficenza di tasca tua che senso ha fare un concerto e mettere a rischio persone, un intero settore e una regione in difficoltà? Cosa volevi dimostrare?“. Infine conclude: “Io non so che accordi tu abbia preso con il sindaco di Olbia e sinceramente non voglio saperlo, ma il fatto che tu sia riuscito a montare un palco alla luce del sole mi fa pensare che più che infrangere le regole tu sia andato a braccetto con le istruzioni malate che te lo hanno permesso“. Comunque sia, al di là del botta e risposta – che probabilmente andrà avanti – una cosa possiamo dirla: Salmo 3, Fedez e Alessandra Amoroso 0.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».
– in formato cartaceo cliccando qui.
– in formato Kindle cliccando qui.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona e il seguente testo "Numero Ventisei Diciassette Luglio 2021 «Il Caffè» TE A MARAT. DAVID"

Rimani informato sulle nostre dirette e i nostri video.
Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui