Una “sardina” agita le acque del PD

E Carlo Calenda opterebbe “per pedata nelle chiappe (metaforica)”

La candidatura del “capo sardina” nelle liste del Pd alle comunali di Bologna, ha agitato …le acque della politica soprattutto tra il Partito Democratico e l’ala riformista (ex renziana) decisa a rimettere Mattia Santori al suo posto: «Basta offese, deve rispettarci». Dopo aver annunciato la sua candidatura da indipendente nelle liste del Pd alle comunali a Bologna ha subito preso di mira gli ex renziani: «Il nostro avversario è chiunque stia trafficando per un renzismo 2.0, (…) Le sardine continueranno a essere indipendenti, ma serve un presidio altrimenti quando inizieranno le “agorà” ci troveremo un partito sotto scacco delle correnti nascoste». A parte che sentire una sardina che parla di corrente si resta spiazzati! Il primo a risentirsi è stato Alessandro Alfieri senatore Pd e coordinatore nazionale di Base riformista , che ha bollato le dichiarazioni di Santori come inaccettabili ed ingenerose: «Sono critiche gratuite e sbagliate. Sono certo che Letta saprà spiegargli le regole interne del partito». La candidatura di Mattia Santori, fa sorgere più di qualche perplessità visto che aveva definito il Pd un “marchio tossico“.  Si aggiunge anche Carlo Calenda (ex Dem) che twitta un messaggio diretto al segretario PD «Per carità sono fatti vostri ma candidare un ragazzotto senza arte né parte, che vuole darvi la sveglia e sorvegliare la vostra purezza ideologica ti sembra una buona idea? Opterei per pedata nelle chiappe (metaforica)». Non tarda la replica – stizzita –  proprio di Mattia Santori: «Io mi sto candidando da indipendente volendo dare un contributo alla mia città come consigliere comunale. Vi presento invece un signorotto con arte e soprattutto con parte, che ha avuto una pedata (non metaforica) per arrivare dov’è arrivato (…) Nel mentre, confido nelle pedate (metaforiche) dei romani…».

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

  • Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
  • Per ricevere gratuitamente il pdf della rivista abbonati al nostro canale Twitch. E, se sei abbonato ad Amazon Prime, l’abbonamento al nostro canale è gratuito.
  • Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla
  •  Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui