I «NO GREEN PASS» scendono in piazza tra insulti e aggressioni.

Dopo il blitz a “il Giornale”, distrutto gazebo M5s. A Roma picchiata una giornalista RaiNews24

Il loro slogan è «libertà, libertà» poi sfasciano, aggrediscono, insultano e ora minacciano anche di bloccare i treni che dal 1° settembre saranno off limits per chi non ha la certificazione verde. Si definiscono «no green pass» ma anche «guerrieri che combattono una dittatura». In nome di questa libertà (a senso unico!) pensano di avere licenza di aggredire una giornalista che sta facendo il suo lavoro come è successo l’altro giorno a Roma. «Giornalista terrorista!» le hanno gridato e poi nel tentativo di strapparle il telefonino, «le hanno causato alcune ferite. L’episodio non ha avuto peggiori conseguenze grazie alla presenza delle forze dell’Ordine intervenute» come ha denunciato il cdr di Rainews24. È uno strano concetto di libertà quello che non si fa scrupoli a sfasciare anche un banchetto del Movimento 5 stelle come è successo a Milano con una violenza inversamente proporzionale al rispetto delle idee, delle pensiero, della scelta. Quella stessa «libertà» che, sabato scorso, ha portato un gruppetto dei manifestanti milanesi a scagliarsi contro le porte de «il Giornale». Intanto la Polizia di Stato ha già identificato 8 persone che saranno deferiti all’Autorità Giudiziaria per la manifestazione milanese, due dei quali sono stati indagati per manifestazione non autorizzata, danneggiamento e attentato contro i diritti politici. E pensare che lo scorso anno quando iniziammo a combattere questo virus ci furono i canti alle finestre, gli slogan «ne usciremo migliori»…

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

  • Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
  • Per ricevere gratuitamente il pdf della rivista abbonati al nostro canale Twitch. E, se sei abbonato ad Amazon Prime, l’abbonamento al nostro canale è gratuito.
  • Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione .pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
  • Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui