ULTIM’ORA – Si è spento Mikis Theodorakis.

Compose il «Syrtaki» colonna sonora di «Zorba il greco»

All’età di 96 anni, all’ospedale di Atene è morto Mikis Theodorakis, «l’uomo del Sirtaki», famoso compositore greco. Durante la dittatura militare dei colonnelli (1967-1974) venne imprigionato e torturato, mentre la sua musica venne proibita. Punto di riferimento per l’opinione pubblica di sinistra, al ritorno della democrazia in Grecia venne eletto deputato per il Partito Comunista di Grecia. Nelle sue composizioni troviamo il retaggio di una tradizione antichissima che Thodorakis ha saputo traghettare nell’epoca moderna con assoluta brillantezza e capacità di arrivare al cuore di tante persone e ispirando tantissimi altri artisti venuti dopo di lui, ben oltre i confini del suo paese. l compositore greco Mikis Theodorakis, fu autore della colonna sonora del film-cult del 1964 «Zorba il greco» di Michael Cacoyannis con Anthony Quinn. «La danza di Zorba» divenne famosa come “il Syrtaki”, una danza del tutto originale ispirata a due celebri balli popolari, il «syrtos»che prevede figure di gruppo, e il «pidiktos» caratterizzato dall’accelerazione del ritmo. Ed è proprio questa accelerazione che spinge il syrtaki in giro per il mondo, fino a diventare da subito il più celebre ballo greco nel pianeta. Ancora oggi è l’inevitabile colonna sonora del folklore greco. Già a 18 anni, entrò nella Resistenza all’occupazione nazi-fascista. Ai tempi della Guerra Civile è stato rinchiuso in un campo di prigionia. Nel 1967 poi una giunta militare prese il potere con un colpo di stato. L’autore del Sirtaki è il presidente del Lambrakis, un movimento giovanile progressista e deputato del nuovo partito della Sinistra. La sua fama mondiale gli risparmia la vita ma non il carcere, le torture, il confino, le intimidazioni a lui e alla famiglia. In Italia ha conosciuto un grande successo popolare nel 1970 grazie ad un album di Iva Zanicchi «Caro Theodorakis … Iva».

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

  • Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.
  • Per ricevere gratuitamente il pdf della rivista abbonati al nostro canale Twitch. E, se sei abbonato ad Amazon Prime, l’abbonamento al nostro canale è gratuito.
  • Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione .pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.
  • Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui