Anche senza Christo, a Parigi stanno impacchettando l’Arco di Trionfo

L’artista aveva progettato l’opera tempo fa con la moglie Jeanne-Claude, e sarà infine inaugurata a oltre un anno dalla sua morte

A sessant’anni dalla sua ideazione e dopo il rinvio dello scorso anno causato dalla pandemia, il prossimo 18 settembre sarà inaugurato a Parigi L’Arc de Triomphe empaqueté, l’impacchettamento postumo dell’Arco di Trionfo, un progetto dell’artista francese Christo, morto nel maggio del 2020, e della moglie Jeanne-Claude, morta nel 2009. I collaboratori di Christo hanno detto di sentirsi in dovere di portare a termine l’opera che lui aveva progettato nei minimi dettagli: «Christo mi ha fatto promettere che l’avrei finito», ha detto Vladimir Yavachev, nipote dell’artista e supervisore del progetto.

 

 

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Per ricevere gratuitamente il pdf della rivista abbonati al nostro canale Twitch. E, se sei abbonato ad Amazon Prime, l’abbonamento al nostro canale è gratuito. 

Vai alla barra degli strumenti