L’almanacco de «Il Caffè»: 1980, l’Irpinia è sconvolta dal terremoto.

In novanta secondi sono stati distrutti interi paesi.
Alla tragedia del sisma poi si aggiunse quella del ritardo dei soccorsi!

Intorno alle ore 19:30 una scossa di magnitudo 6.9 sconvolge l’area dell’Appennino Meridionale tra la Campania e la Basilicata. In novanta secondi interminabili vengono rasi al suolo interi paesi dell’Irpinia, distrutti come un castello di carte in mezzo alla corrente, portando morte e distruzione per un’area di 17mila chilometri quadrati tra le province di Avellino, Potenza e Salerno. L’evento sismico è talmente potente da essere avvertito in tutta la Penisola. Nell’epicentro (individuato tra i comuni di Teora, Castelnuovo di Conza e Conza della Campania) si è sprigionata una potenza pari a 35 milioni di tonnellate di esplosivo. Le prime notizie dell’agenzie di stampa rilanciate dai TG, parlano – a causa della difficoltà di avere notizie più dettagliate, per via dei collegamenti interrotti con le zone colpite – di una scossa di terremoto in Campania durata “poco più di un minuto”. Durante la notte s’inizia a prendere coscienza della realtà tragica. La macchina dei soccorsi, attivati con colpevole ritardo, dimostra tutte le sue falle; il sistema dei trasporti è in tilt, per le reazioni di panico della popolazione riversatasi nelle principali arterie stradali. Fuori uso anche la circolazione ferroviaria: l’Italia è di fatto tagliata in due! Il presidente della Repubblica, Sandro Pertini, si reca di persona sul luogo del sisma, per rendersi conto delle conseguenze prodotte: dal suo elicottero osserva paesaggio spettrale che si estende per chilometri, lì dove prima sorgevano case, scuole, chiese ed edifici pubblici. Il quotidiano “Il Mattino” titola «Un minuto di terrore. I morti sono centinaia» e un disperato grido d’aiuto «FATE PRESTO». Il bilancio finale consegna un vero bollettino di guerra: 2.914 morti, 280.000 sfollati e 8.848 feriti. La comunità che paga il prezzo di sangue più alto è quella di Sant’Angelo de’ Lombardi: 482 vittime e il 90% del tessuto urbano raso al suolo. Un paese sparito d’un colpo come tanti altri.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Per ricevere gratuitamente il pdf della rivista abbonati al nostro canale Twitch. E, se sei abbonato ad Amazon Prime, l’abbonamento al nostro canale è gratuito. 

Vai alla barra degli strumenti