Storica decisione: arriva il primo sì al suicidio assistito

L’Asl delle Marche ha applicato i precetti stabiliti dalla Corte costituzionale e ha dato il via libera all’operazione su un camionista rimasto paralizzato.

Primo storico sì al suicidio assistito in Italia. Siamo nelle Marche, dove un camionista quarantatreenne, paralizzato a causa di un incidente stradale, ha avuto il via libera al suicidio medicalmente assistito. L’Asl delle Marche ha acconsentito alla pratica dopo aver stabilito che i precetti posti dalla Corte costituzionale nella sentenza numero 242 del 2019 erano tutti riscontrabili nel caso di specie.

Quest’ultimo, ricevuta la notizia, ha ammesso: «Mi sento più leggero, mi sono svuotato di tutta la tensione accumulata in questi anni». In un video postato dalla Associazione Luca Coscioni (che da anni combatte per l’eutanasia in Italia e ha anche promosso il referendum sul tema che ora è al vaglio della Corte di cassazione), ha poi aggiunto: «Sono stanco e voglio essere libero di scegliere il mio fine vita. Nessuno può dirmi che non sto troppo male per continuare a vivere in queste condizioni e condannarmi a una vita di torture. Si mettano da parte ideologie, ipocrisia, indifferenza, ognuno si prenda le proprie responsabilità perché si sta giocando sul dolore dei malati».

Ricordiamo che le direttive della Corte costituzionale nella sentenza sopracitata erano:

  1. essere tenuti in vita da trattamenti di sostegno vitale
  2. essere affetti da una patologia irreversibile
  3. la patologia deve essere fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che la persona reputa intollerabili
  4. la persona deve essere a pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli
  5. le condizioni e le modalità di esecuzione siano state verificate da una struttura pubblica del servizio sanitario nazionale, previo parere del comitato etico territorialmente competente.

 

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Per ricevere gratuitamente il pdf della rivista abbonati al nostro canale Twitch. E, se sei abbonato ad Amazon Prime, l’abbonamento al nostro canale è gratuito.