L’Universale editore


Luigi Albertini e la morte di Lenin

Novantotto anni fa, il 28 gennaio 1924, mentre i comunisti di tutto il mondo piangevano la morte di Lenin, in Italia Luigi Albertini, direttore del giornale della borghesia italiana, il «Corriere della Sera», diede un giudizio spietato sull’uomo che con le proprie idee stava influenzando la storia del Novecento.

Novantotto anni fa, il 28 gennaio 1924, mentre i comunisti di tutto il mondo piangevano la morte di Lenin, avvenuta una settimana prima a Gorki, un piccolo villaggio presso Mosca, in Italia Luigi Albertini, direttore del giornale della borghesia italiana, il «Corriere della Sera», diede un giudizio spietato sull’uomo che con le proprie idee stava influenzando la storia del Novecento: “La realtà ha reagito all’utopia; il più grande esperimento comunista della Storia non ha fatto che arretrare di cento anni le condizioni della società russa, riportate dalla sua fase europea alla sua fase asiatica”.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Per ricevere gratuitamente il pdf della rivista abbonati al nostro canale Twitch. E, se sei abbonato ad Amazon Prime, l’abbonamento al nostro canale è gratuito. 

https://www.twitch.tv/ilcaffe

Iscriviti al nostro canale Twitch e se sei abbonato ad Amazon Prime puoi abbonarti gratuitamente al canale e supportarlo. Inoltre, grazie al tuo abbonamento mensile hai il diritto di ricevere gratuitamente la versione pdf della rivista. Contattaci sulla nostra pagina Facebook per riceverla.

Iscriviti al nostro canale You Tube cliccando qui.