L’Universale editore


Spacciata per opera d’arte uno sfregio a Montanelli

Al “Mudec” la statua del giornalista con in grembo una bambina eritrea.

L’arte – si sa – per sua natura non può avere confini. E spesso sconfina nell’ideologia. Dopo che lo scorso anno a Milano la statua di Indro Montanelli, sull’onda del movimento Black Lives Matter, fu imbrattata di vernice rosa per l’ennesima volta per denunciare il razzismo e il sessismo del giornalista che durante la guerra in Etiopia sposò una dodicenne, qualcuno pensò: «Non è sufficiente». Ecco che Cristina Donati Mayer, che si definisce «artivista» – (una crasi tra attivista ed artista) superò le barriere di protezione della statua e mise sulle ginocchia bronzee di Montanelli un fantoccio nero raffigurante una bambina eritrea. Ma anche la Giustizia non conosce limiti. E così, nel giorno del 15° anniversario della morte di Oriana Fallaci, al Mudec, il Museo delle Culture di Milano, viene inaugurata una mostra permanente, dal titolo Milano globale, che affronta temi complessi come le migrazioni e il colonialismo «per dare una maggiore consapevolezza di quello che è stato il passato e per costruire un futuro di dialogo». Nella sezione dedicata alla «Decolonizzazione» è esposta una riproduzione della statua di Montanelli con in braccio il fantoccio della dodicenne eritrea. Titolo dell’opera: «Il vecchio e la bambina». A parte che la parola «vecchio» quindi non è sempre “politicamente scorretto”  ma talvolta i fanatici della cancel culture, se ne dimenticano. Anche “The Economist”, la settimana scorsa, metteva in guardia dalla «sinistra illiberale». Per il resto, è il caso di ricordare che quando, nel 1952, Montanelli tornò in Etiopia per incontrare la ragazza – che si chiamava Destà – ormai diventata donna, fu da lei accolto con affetto. E sulle ginocchia del giornalista mise il proprio di figlio, avuto da un uomo della sua tribù. Lo aveva chiamato Indro.

Acquista l’ultimo numero de «Il Caffè».

Acquista la rivista in formato cartaceo cliccando qui.

Per ricevere gratuitamente il pdf della rivista abbonati al nostro canale Twitch. E, se sei abbonato ad Amazon Prime, l’abbonamento al nostro canale è gratuito.